A Torino si sperimenta l’investimento a impatto sociale

Pay for result

II meccanismo dell’investimento a impatto sociale, noto anche come Social Impact Bond (SBI) o pay for success bond è uno strumento finanziario con cui il settore pubblico raccoglie investimenti privati per pagare chi gli fornisce servizi di welfareLa remunerazione del capitale investito viene agganciata al raggiungimento di un certo risultato sociale che può essere tradotto in un risparmio per l’intera società (ad esempio minori costi di spesa sociale o, se il SIB viene collegato a progetti di inserimento lavorativo, addirittura un aumento del gettito fiscale).

Se i risultati vengono raggiunti la Pubblica Amministrazione ripagherà gli investitori privati che, di fatto, hanno anticipato il finanziamento per testare l’efficacia del progetto, riducendo per lo Stato il rischio d’investimento e il dispendio dei contributi fiscali dei cittadini.

La sperimentazione torinese avviene sul reinserimento sociale delle persone detenute ed è possibile grazie all’impegno della Casa circondariale “Lo Russo Cutugno”, della Fondazione Sviluppo e Crescita CRT e di Human Foundation, curatori, tra l’altro dello Studio di fattibilità L’applicazione di strumenti pay by result per l’innovazione dei programmi di reinserimento sociale e lavorativo delle persone detenute”.

La sperimentazione sarà dunque avviata con l’obiettivo del reinserimento sociale delle persone detenute: l’obiettivo è la riduzione delle recidive e viene misurato in termini di carattere permanente dell’uscita dal circuito penitenziario dopo la scarcerazione. L’obiettivo però, ha sottolineato il ministro della Giustizia Andrea Orlando è l’esportazione di questo strumento ad altri contesti:

«Parlare di innovazione significa rispondere in modo nuovo alle marginalità sociali: questo progetto pilota è quanto mai significativo non solo per l’Italia, ma per l’Europa intera e apre a una sinergia pubblico-privato innovativa ed estendibile ad altri campi del welfare».

Fonte: Secondo Welfare
Approfondimenti: Secondo Welfare, sezione Finanza sociale 

Commenti (0)